Tintilia del Molise. Storia di un incontro

Quando assaggiai per la prima volta un calice di Macchiarossa, ne rimasi immediatamente colpita.

Non sapevo nulla di quel vino. Non ne avevo mai sentito parlare.

Così accadde che una sera come le altre, durante la cena, mio marito mi avvicinò il suo calice chiedendomi di provare. Ne bevvi un piccolo sorso, distrattamente…

E allora, come sempre succede quando lo straordinario irrompe nella quotidianità, quel vino catturò la mia attenzione. In realtà quasi mi costrinse in maniera prepotente a rientrare dalla mia evasione alla realtà. No, dopo aver deglutito quel piccolo sorso non ero più distratta. 

Immediatamente tutti i miei sensi erano tesi, sveglissimi e in allerta. Quell’assaggio mi aveva reso nuovamente presente alla realtà. Intuivo che nell’aria, o forse meglio dire nel bicchiere, c’era qualcosa di molto importante. 

Così decisi di entrare in relazione con quel vino, di cui ancora non conoscevo nulla. 

Ebbene, pensai, presentiamoci!

Così iniziò un’avventura bellissima, che si rinnova anno dopo anno, alla scoperta della Tintilia del Molise del Signor Claudio Cipressi.

TORNA SU

CONDIVIDI L’ARTICOLO SU

Lo abbiamo bevuto a Natale, nonostante fosse un vino ‘pasquale’

Lo abbiamo bevuto a Natale, nonostante fosse un vino ‘pasquale’ Leggi tutto l’articolo

Il viaggio e la fermata. David Landini, uno sguardo che va oltre

Il viaggio e la fermata. David Landini, uno sguardo che va oltre Leggi tutto l’articolo

Un’amalgama magica per brindare a San Valentino

Un’amalgama magica per brindare a San Valentino Leggi tutto l’articolo

Vino e frutta. Abbinamento (im)possibile o “da sapiens”?

Vino e frutta. Abbinamento (im)possibile o “da sapiens”? Leggi tutto l’articolo

SOTTOTITOLO DEL FORM COMMENTI